TUTTO ARABIA SAUDITA 1
SULLE ORME DEL PROFETA SALEH


Jeddah > Medina > AlUla > Hegra > Jubbah > Hail > Riyadh
Un viaggio verso Nord-Est che inizia a Jeddah e Medina, "La città illuminatissima", e finisce a Riyadh. Si attraversa il Paese passando per la scenografica AlUla e l'antichissimo insediamento di Jubbah, entrambi Patrimonio dell’Umanità.

PARTENZE 2024:
Gennaio 18
Febbraio 22
Aprile 18
Maggio 16

Sono previsti la guida in inglese con traduttore in italiano e tutti i trasferimenti.

1° GIORNO - ITALIA > JEDDAH
Partenza dall'Italia per Jeddah.

2° GIORNO - JEDDAH
Arrivo all'aeroporto di Jeddah, incontro con l'assistente e trasferimento in albergo. Giornata libera a disposizione.

3° GIORNO - JEDDAH
(pensione completa)
Jeddah 2500 anni fa era un villaggio di pescatori, le prime testimonianze scritte risalgono al 647 d.C., quando un califfo musulmano la trasformò in un porto per i pellegrini diretti alla Mecca. Oggi è una metropoli vivace, con 4 milioni di abitanti, crocevia di pellegrini ma anche centro internazionale del business. La visita della città comincia dal Museo Al Tayebat che ricostruisce in modo avvincente la storia della città ed è allestito in un complesso nel quale sono ricostruite le tradizionali architetture Hijazi, piccoli capolavori realizzati con vetrate, legno intagliato a mano e muri di corallo. Jeddah è sorprendente, il lungomare, chiamato Corniche, è un museo a cielo aperto: corre lungo la costa per alcune decine di chilometri, con parchi giochi e di divertimento, aree per jogging e una piacevole zona d'ombra per le famiglie, ma soprattutto è caratterizzato da rotonde dove svettano statue di Moore, Cesar, Pomodoro e molti altri scultori. Qui si trova anche la Moschea Al Rahmah Masjid, precedentemente conosciuta come la moschea di Fatimah o moschea galleggiante. Si prosegue con la visita della Old Town, un intrico di vicoli, piccole case, moschee, negozi, quasi tutti collegati fra loro e si attraversano passaggi un tempo segreti che a volte sbucano direttamente in alcune vecchie case. Emozionante. Si continua verso Al Balad, storico distretto e Patrimonio dell'Umanità dal 2014, e si prosegue verso Beit Nassif, il Jeddah North Gate e il Makkah Gate, un arco che fa da ingresso alla strada della Mecca. Per finire, prima di cena, piacevole passeggiata al vecchio mercato per osservare e assaporare cibi di una cultura meravigliosa.

4° GIORNO - JEDDAH > MEDINA > ALULA
(pensione completa)
Circa quattro ore e mezza di viaggio per raggiungere Medina. In arabo significa "La città illuminatissima", una bellissima città-oasi che sembra essere stata a lungo dominata da tribù ebraiche. Si arriva al monte Uhud, circa 1.077 metri di altezza, un importante luogo di pellegrinaggio per il popolo arabo e musulmano. Dopo il pranzo visita al famoso pozzo Othman Bin Affan. La città di Medina in Arabia Saudita è nota anche per i pozzi d'acqua che sono collegati ai viaggi del Profeta. Successivamente, si prosegue per Diyar Al-Ansar, cena e tempo libero. In circa 3 ore e mezza di auto si arriva ad AlUla: un'area di straordinario interesse aperta ai visitatori a dicembre 2020, custodisce straordinarie testimonianze storiche dell'Arabia Saudita grazie a ben 139 siti dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.

5° GIORNO - ALULA > HEGRA > ALULA
(pensione completa)
È il giorno di Hegra, oggi conosciuta anche come Mada'In Saleh, la città del profeta Saleh. L'antica Hegra era una città nabatea, proprio come Petra, in Giordania, alla quale somiglia nelle architetture: Hegra era l'insediamento più a Sud e più grande del regno nabateo dopo Petra, che ne era la capitale. Le due città erano i centri più importanti lungo la Strada dell'Incenso, la via carovaniera che dal territorio della regina di Saba, lo Yemen di oggi, attraversava la penisola arabica collegando l'Oriente al Mediterraneo. I ricercatori hanno stabilito che fosse proprio questa zona il dominio più meridionale di tutto l'Impero Romano. Come Petra, Hegra ha spettacolari monumenti, funerari e non, con elaborate facciate scavate e intagliate nell'arenaria, ornate con colonne, capitelli e aquile. Si ritorna a Winter Park, dopo il pranzo visita di Danan, Jabal Ikmah e infine Elephant Rock, un grande monolite che sembra somigliare alla silhouette di un elefante: al tramonto l'atmosfera è davvero unica.

6° GIORNO - ALULA > JUBBAH > HAIL
(pensione completa)
Novanta chilometri a Nord di Hail, Jubbah è il sito di arte rupestre più famoso dell'Arabia Saudita. Le incisioni che si possono trovare sul Jibal Umm Sinman risalgono a 10.000 anni fa: non soltanto figure umane, ma anche bovini, stambecchi, orici, cervi, gazzelle, cavalli, leoni e struzzi. I cammelli sono stati probabilmente gli ultimi a popolare questa zona e le loro raffigurazioni sulle rocce sono considerate le più recenti. Ma l'arte rupestre non è l'unica traccia lasciata dalla presenza umana a Jubbah. Alcuni strumenti preistorici rinvenuti nella zona dimostrano che il sito era già abitato dall'uomo migliaia di anni fa. In serata si arriva ad Hail.

7° GIORNO - HAIL > RIYADH
(pensione completa)
La città di Hail è su una delle principali rotte di pellegrinaggio dall'Est, e dall'Iraq in particolare, verso la Mecca, questo nel corso dei secoli le ha consentito una crescita economica e politica che l'ha portata addirittura a rivaleggiare con Riyadh per prestigio e influenza. Nel 1890 la città era la capitale indiscussa d'Arabia. Le faide familiari della dinastia Ibn Rashid locale e le sue guerre costanti con i vicini portarono al crollo della città nel 1921 sotto l'attacco di Ibn Sa'ud, fondatore del Regno dell'Arabia Saudita. Ora Hail ha perso quell'importanza ma resta un vivace mercato e un'oasi regionale che produce datteri, frutta e grano. Visita della città, poi il Museo, il palazzo Al-Qishla e il souq. Partenza in treno per Riyadh. L'Arabia Saudita è un grande Paese, con una storia ricchissima e molte sorprese. A cominciare da Riyadh, la capitale, il cui nome significa "giardini": sboccia come un'oasi verde circondata da deserti infuocati. All'arrivo assistenza in aeroporto e trasferimento in albergo, quindi tempo libero per il relax. È importante ricordare che il Paese è molto attento al rispetto di alcune regole: niente alcolici né gesti d'affetto in pubblico, alle signore è richiesto di vestire con modestia evitando capi d'abbigliamento troppo corti o scollati. Fare attenzione a non ascoltare musica durante gli orari delle preghiere e a non scattare foto agli abitanti del luogo senza prima chiedere il permesso.

8° GIORNO - RIYADH
(pensione completa)
Riyadh è considerata la culla della cultura islamica, è la sede del potere, custode della tradizione ma anche avanguardia del futuro e protagonista di una crescita impetuosa: dai 150 mila abitanti del 1960 è passata agli oltre 7 milioni di oggi e vanta la più grande università femminile del mondo, la "Princess Nora Bint Abdulrahman University". Vecchie stradine e moderni grattacieli, botteghe artigiane e sfavillanti centri commerciali con tutti i brand internazionali del lusso: Riyadh è un mix di mondi che possono sembrare in contrasto ma che qui riescono a fondersi con armonia. La visita guidata inizia con il Museo Nazionale e il King Abdulaziz Historical Centre, si prosegue con il Palazzo Musmak, una cittadella costruita nel 1865 e che per lungo tempo, fino al 1932, è stata residenza della famiglia reale. Nel pomeriggio visita del quartiere storico di Diriyah, la passeggiata tra i vicoli e le case tradizionali costruite con mattoni di fango resta nella memoria. Si passa davanti al Diriyah Museum, un ex palazzo con mostre sulla storia saudita e la restaurata Al Zawihra Moschea. Ci si tuffa poi nella più moderna tecnologia durante la visita dello Sky Bridge presso la Kingdom Tower, dove gli ascensori ad alta velocità viaggiano a 180 chilometri orari. Dal novantanovesimo piano, il punto più alto della città, la vista sulla città è davvero affascinante.

9° GIORNO - RIYADH
(colazione)
Arrivederci Arabia Saudita, trasferimento all'aeroporto di Riyadh.

10° GIORNO - ITALIA
Bentornati a casa.


TI POTREBBE INTERESSARE


TUTTO ARABIA SAUDITA 2
MERAVIGLIE D'ARABIA
Riyadh > Hail > Jubbah > AlUla > Wadi Al Disah > Hegra > Tabuk > Jeddah
Un viaggio affascinante da Riyadh a Jeddah passando per l’imperdibile AlUla, Patrimonio dell’Umanità, che si raggiunge in treno via Hail viaggiando in Business Class. Poi Wadi Al Disah, regione montuosa del Nord, e Tabuk le cui montagne si estendono fino al Wadi Rum in Giordania, su un territorio che un tempo era abitato dai Nabatei.

OFFERTE IN EVIDENZA

LO SAPEVI?

banner
banner
banner
banner
banner
banner

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del Reg. "UE 2016/679" per l'iscrizione alla newsletter e il ricevimento di offerte e promozioni commerciali. Leggi Informativa Privacy Policy